Autore Topic: comando idraulico frizione  (Letto 700 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

federosso

  • Visitatore
comando idraulico frizione
« il: 08 Ottobre, 2010, 21:16:05 »
al recente raduno pappareccio gilerista 4T  :BIRRA ho notato che un utente aveva montato su una NW molto elaborata un carter con comando frizione idraulico.
Nn ero a conoscenza che alcuni modelli di Bi4 avessero tale peculiarità.

Ho chiesto e mi è stato detto che i dakota erano con questo sistema.

Ora, visto che il Dakotino è un pochetto meno recente degli RC e del Nordy, mi chiedo e vi chiedo come mai questo sistema è stato abbandonato.
Secondo voi per motivi di costi o tecnici (peso, fruibilità, utilizzo)?  ;cunfff

Offline renzino71

  • MODERATORE
  • Utente Maestro
  • ****
  • Post: 926
  • Sesso: Maschio
  • SI VIS PACEM PARA BELLUM
Re: comando idraulico frizione
« Risposta #1 il: 08 Ottobre, 2010, 21:33:51 »
anche il mio rottame ha la frizione idraulica....secondo me il motivo del ritorno al comando tradizionale è la maggior semplicità.....anche se il comando idraulico è molto morbido da usare....
"Chi combatte rischia di perdere, chi non combatte ha già perso"

Offline LUCA

  • GIL 4 ROSSO GERMAN il rosso della mia moto
  • AMMINISTRATORE
  • Utente Maestro
  • ******
  • Post: 9015
  • Sesso: Maschio
  • meglio un buon nemico, che un cattivo amico!
    • Homo quisque faber ipse fortunae suae
Re: comando idraulico frizione
« Risposta #2 il: 08 Ottobre, 2010, 22:01:22 »
dissento.......
i moderni ktm, per fare l'esempio ce l'hanno tutt'ora, penso che in Gilera la scelta dell'abbandono del sistema idraulico sia stato fatto solamente per i costi....
La vita e' come la scala di un pollaio.......
CORTA E PIENA DI MERDA!


Offline tatanca2

  • SOSTENITORE
  • Utente Maestro
  • *
  • Post: 1473
  • Sesso: Maschio
Re: comando idraulico frizione
« Risposta #3 il: 08 Ottobre, 2010, 22:32:29 »
 ;CC ;CC
quando la merda diventerà oro i poveri nasceranno senza culo!

Offline DakoBox

  • Utente Maestro
  • *****
  • Post: 816
  • Sesso: Maschio
  • Dakota 350 '86
Re: comando idraulico frizione
« Risposta #4 il: 08 Ottobre, 2010, 22:48:39 »
Due motivi Costi e peso

Inizialmente il primo: il Dakota è nato nel periodo in cui le moto da enduro, jap comprese,  scimmiottavano stilisticamente i prototipi che gareggiavano nei deserti d'Africa senza però curarsi dei contenuti "veri" , tecnici, delle stesse dotandosi di orpelli di puro design e senza usare materiali e dimensionamenti atti a contenere il peso.
Il primo passo è stato fatto quando venne creato l'XRT 600 : il nuovo motore portava in dote più cavalli del vecchio 500 dak e la frizione dovette essere riprogettata per reggere.

Ovviamente anche il coperchio dx doveva essere rifatto (quello del Dak va sul 600 ma solo se lo si mola internamente fino a farlo diventare di carta velina in certi punti) e si optò per la soluzione classica a filo, più facile come manutenzione e meno costosa.

Va detto che il prototipo "Lucy", ora di proprietà di Ciancaro, fu una moto laboratorio in cui, partendo da un telaio Dakota equipaggiato con un motore 500 con frizione idraulica"elaborato" a 600 (che commercialmente non esisteva ancora), venne estremizzato il materiale in dotazione per verificarne la bontà
l'ultima versione di tale moto era stata affinata fino a perdere, oltre che il freno posteriore a tamburo e i leveraggi del mono del Dakota, anche la frizione idraulica.
Si prefigurava così quella che sarebbe stata "l'arma da guerra" commerciale e da competizione che avrebbe raggiunto le vetrine dei concessionari da li a poco : la rc 600 89.

Con questo nuovo progetto si dovette cercare di abbinare alle quote ciclistiche "svelte", da vera fuoristrada svelate dalla "Lucy", anche una ricerca di alleggerimento: sovrastrutture più aderenti, forcellone in alluminio e relativi leveraggi, mozzi più leggeri e la comparsa del magnesio nei carter laterali.
Ovvio che il kilozzo abbondante in più della frizione idraulica qui stonava.....

Va considerato che la struttura di comando della nostra frizione comporta l'uso di un attuatore frontale posto sul coperchio il cui design è una scopiazzatura di Grimeca del pistone Brembo in uso fin dagli anni settanta sui "big block" Guzzi.
La vetustà di progetto implica un notevole peso (circa 500 grammi solo il gruppo a cui va aggiunto altrettanto di tubo  e circa 6 etti di pompa) più l'aggravio di un cuscinetto reggispinta sulla frizione e di un puntale in ferraccio degne di un trattore (esageratissimi).
...ma ai tempi c'era solo quella roba.

..però ho visto che la Morini granpasso ha lo stesso gruppo....
Quest'estate mi sono dato da fare e mi son fatto un fisico da Dio.....peccato sia Budda!   :'(